Azzedine Alaia: eccentrico e anticonformista

da , il

    Prendere tutto quanto va di moda e …evitarlo! Sembra essere questo l’approccio di Azzedine Alaia, stilista di origine tunisina che sin dai suoi esordi nella moda crea collezioni senza seguire i trend del momento.

    Nato in Tunisia, Azzedine Alaia è arrivato al successo negli anni ’80 dopo essere approdato a Parigi negli anni ’50 e aver fatto i lavori più disparati. Nel suo piccolo appartamentino della Ville Lumiére, Alaia cuciva i costumi per le ballerine del Crazy Horse e intanto sognava di sfondare nel mondo della moda. Giorno dopo giorno cresce la sua esperienza, si fa notare e arriva a Dior e successivamente a Guy Laroche, esperienze importanti, ma di breve durata.

    Fino a che un giorno il sogno si avvera, grazie ai suoi abiti sexy: zip strategiche, giacche aderentissime in pelle, corsetti in pizzo e minigonne in maglia. Capi per una donna che non perde mai la propria femminilità. Da allora è stato un crescendo fino al suo atelier aperto a Parigi in rue des Verrieres. Qui, naturalmente è possibile trovare anche le scarpe.

    Eccentrico e anticonformista, Alaia non tiene conto del calendario della moda, esponendo quando vuole senza badare a nulla. Nel 2000 si unisce al gruppo Prada, e nello stesso anno gli viene dedicata una mostra al Guggenheim di New York.

    Se passate da Parigi fatevi un giro nel suo atelier, anche solo per guardare. Troverete delle ballerine originali al prezzo (modico!) di 800 euro. Se proprio non potete permettervele vi consiglio un passaggio nei mercatini di quartiere, si potrebbero trovare i modelli di Alaia a prezzi decisamente inferiori.