Comprare le scarpe: cinque regole base

da , il

    Ho trovato in rete un articolo molto carino, anche se a tratti scontato per le shoes addicted, che mi piacerebbe farvi conoscere. Al suo interno si parla di cinque semplici regole che bisognerebbe mettere in pratica quando si sceglie di acquistare un paio di scarpe. A fornirle è Giuseppe Francavilla, presidente del corso di laurea in podologia all’Università di Palermo.

    Comprare scarpe è un divertimento? Certo ma richiede anche un certo impegno. Il podologo Giuseppe Francavilla lancia alcuni consigli che si possono leggere anche su Leiweb.it. Ve li riassumo qui.

    La prima cosa importante è di acquistare le scarpe a fine giornata. Avete capito bene. I piedi, lo sappiamo, risultano più gonfi ed il momento perfetto per comprare scarpe che sono davvero comode. Insomma, per evitare di ritrovarsi con calli e quant’altro…

    Il podologo ci consiglia poi di dimenticarci di cedimenti della pelle o del tessuto. Insomma, se ci piace un paio di scarpe e il nostro numero non c’è e non si può avere, desistiamo. Anche se la commessa vuole convincerci che poi si allargano. Non è vero! O almeno non abbastanza da risultare comode e guadagnare un numero.

    Importante è provare sia la scarpa destra che la sinistra perchè, ma questo forse lo sappiamo tutte, un piede è diverso dall’altro. Io per esempio ho il sinistro che sta sempre più stretto nelle scarpe.

    Non dimenticate, poi, di fare il “giochino” che faceva la mamma quando eravate piccole: toccare con il pollice la punta della scarpa per vedere dove arriva l’alluce. Deve distare almeno un centimetro dalla fine della scarpa. Le dita devono muoversi tranquillamente. Di regola la forma della punta più comoda è quella rotonda ma si sa che noi seguiamo le mode e spesso cadiamo nella trappola della punta lunga e stretta.

    Infine, i tacchi. Il podologo ribadisce che quelli troppo alti vanno indossati per poco tempo perchè costringono ad un’andatura troppo difficoltosa, anche se siamo bravissime a portarli. Bisogna però portare con parsimonia anche le scarpe basse come ballerine o sneakers perchè potrebbero comportare infiammazioni ai muscoli delle gambe e alle cartilagini del ginocchio, dolori lombari e tendiniti. Il tacco perfetto è di tre-cinque centimetri. Ma mettiamola cosi: meglio cambiare scarpe ogni giorno… ci piace vero?!?!