Curiosità: gli uomini più shoes addicted delle donne

da , il

    Ragazze mie che scoperta strabiliante. Non lo avrei mai detto eppure pare che i nostri cari maschietti siano molto più attratti dalle scarpe di noi. Almeno è quanto emerge da un sondaggio condotto dallo shopping club online Privalia.com tra giugno e settembre 2009 su un campione di 14.000 utenti attivi. L’outlet virtuale ha evidenziato che gli uomini hanno apprezzato molto più le vetrine monomarca dedicate alle scarpe che non ad altri articoli. Un’indagine che ha sollevato la mia curiosità ma che risulta molto interessante e divertente a mio avviso. Ve la propongo.

    Affascinate dallo stiletto, appassionate di stivali, pronte a qualunque cosa per assicurarsi un paio di Christian Louboutin, Jimmy Choo o Manolo Blanhik. Queste siamo noi. Donne rapite da un paio di scarpe in vetrina o su un sito. E loro, gli uomini, pronti ad etichettarci sempre come spendaccione in fatto di scarpe e accessori vari. “Ma ne hai davvero bisogno?”. Mi sono sempre chiesta che genere di domanda fosse!!! Vabbè, mie care, lasciamo correre, ora abbiamo la risposta per i nostri maschietti. Pare che, nonostante facciano i duri, siano loro più di noi invaghiti delle scarpe. A dire il vero il sospetto mi era venuto perchè, dite la verità, quanto gli brillano gli occhi davanti ad uno stiletto sexy indossato dai nostri piedini? Da impazzire!

    Insomma, anche loro sono stati conquistati dalle scarpe. Lo conferma il sondaggio fatto dall’Osservatorio di Privalia.com, uno dei shopping club online che più si distingue oggi in rete. Pare proprio che tra le vetrine monomarca proposte su Privalia.com che gli uomini hanno apprezzato di più, tre su cinque sono di calzature.

    L’osservatorio ha analizzato anche le differenze comportamentali nei confronti dell’acquisto online a seconda dell’età degli intervistati. La maggior parte degli utenti, sia uomini che donne, appartengono alla fascia di età che va dai 25 ai 35 anni, usano internet tutti giorni e si connettono da casa o dall’ufficio (da quest’ultimo soprattutto le donne, almeno il 61% rispetto al 52% dei colleghi maschi). Una fetta non trascurabile è invece rappresentata dagli over 40, che 29% contro 8%, battono gli under 25 nell’acquisto in rete.

    Complice del trend, a sorpresa ma non troppo, non solo la presenza di un’entrata fissa al mese – il 50% degli intervistati appartiene a categorie di lavoro impiegatizie e il loro stipendio medio al mese oscilla tra i 1.200 e i 1.700 euro – ma anche la possibilità di pagare con carta di credito, che rimane tutt’ora lo strumento preferito con cui effettuare i propri acquisti sul web (42%) nonostante l’introduzione delle carte prepagate (solo l’11%).

    Ma non è finita. Se noi donne ci riconfermiamo le più shopaholic anche sul web, con una percentuale attiva del 64% contro il 36% degli uomini, l’uomo risulta a sorpresa più fashion victim, saziando in rete la voglia di possedere capi griffati. Alla domanda “preferisci una maglietta griffata o 10 no logo?”, la maggioranza delle donne ha scelto, infatti, la quantità, mentre gli uomini (con la percentuale vincente del 45%) si dichiarano a favore di un unico prodotto ma rigorosamente di marca.

    La tendenza è confermata anche dagli indici di gradimento delle vetrine monomarca Privalia: se le donne spaziano dall’abbigliamento casual all’intimo, dagli accessori allo sportswear, categorie merceologiche elencate pari merito nella classifica Privalia, e senza badare troppo al marchio (tanto che alcuni brand noti non sono nella top ten), l’uomo, al contrario, cerca e acquista online soprattutto il prodotto griffato, come dimostra invece la sua top ten dedicata.

    Ed ecco a voi l’uomo del 2010! Ora comportatevi di conseguenza….