I commercianti obbligati al reso? Non è cosi

da , il

    scarpe shopping

    Volevo scrivervi due righe a proposito dei resi in negozio perchè molti di voi mi hanno scritto in questi giorni per sapere come comportarsi. Spesso accade di acquistare un capo che poi non ci piace una volta indossato a casa oppure di avere la brillante idea di regalare un paio di scarpe ad una persona che si conosce poco e quindi rischiare che non vadano bene. Insomma, qualunque sia il motivo del vostro reso può accadere eccome. Visto che molti di voi mi chiedono quando, come e quante volte è possibile rendere un capo per un cambio allora ho chiesto l’intervento dell’Associazione Consumatori Adiconsum che mi ha dato una risposta. Ve la sottopongo per vostra informazione.

    Sinceramente nemmeno io sapevo bene come funzionava questa cosa del cambio merce. Fino ad oggi non ho avuto grossi problemi e ho cambiato scarpe, abiti e ogni altro articolo senza incontrare difficoltà. Sono stata fortunata, almeno a giudicare dalle mail che mi avete scritto e che sollevano una serie di problemi relativi al cambio dei capi.

    Ecco perchè ho interpellato l’Adiconsum, Associazione Difesa Consumatori e Ambiente. Questo è quanto mi hanno riferito: “il cambio della merce è a discrezione del commerciante e non è un obbligo. Quindi a meno che non si siano presi accordi in tal senso, il commerciante può rifiutarsi di fare il cambio. il cambio invece è obbligatorio se la merce è fallata”.

    Ne consegue che può capitare che il commerciante non voglia cambiarvi la merce. Il mio consiglio è di chiedere sempre al momento dell’acquisto in modo da sapere come regolarsi in merito.

    Ulteriori informazioni: www.adiconsum.it