Il Micam per la primavera-estate 2012 ha chiuso con ottimismo e un segno positivo!

da , il

    micam settembre 2011

    Il Micam di settembre 2011 ha chiuso con un bel sorriso ottimista. Dati positivi arrivano dal grande evento che ci ha tenuto compagnia in questi giorni, in attesa delle sfilate di Milano Moda Donna per la primavera-estate 2012 che si sono aperte proprio nella giornata di ieri. Grande gioia per l’afflusso dei visitatori che hanno affollato gli stand allestiti presso la Fiera di Milano Rho e che fino a ieri ci hanno proposto i migliori trend delle calzature femminili e maschili per la prossima stagione calda. Trend che ci accompagneranno nei prossimi mesi, statene pure certe!

    L’edizione di settembre 2011 del Micam ha chiuso con dati che fanno ben sperare anche per il futuro. Si parla di 42.385 visitatori, 20.967 stranieri e 21.418 italiani. Quasi un pareggio tra visitatori “nostrani” e di altri paesi. Rispetto all’edizione di un anno fa, si tratta di un piccolo ma comunque significativo aumento. E per il futuro si spera di poter fare ancora meglio.

    Sono particolarmente fiero di questo risultato che incrementa l’orgoglio italiano, leit motiv di questa edizione, e il valore del made-in-Italy. È frutto dell’impegno di ANCI e di tutti gli imprenditori che in questi anni, edizione dopo edizione, hanno continuato a credere in MICAM. In un momento di profondi cambiamenti e di incertezza sui mercati internazionali, il dato di sostanziale tenuta rappresenta un successo per MICAM ShoEvent, che resta un punto fermo e un appuntamento imprescindibile per chi produce, compra e ama le calzature“, queste le parole di Cleto Sagripanti, presidente di ANCI, Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani.

    Tante le presentazioni che sono state fatte al Micam, che ci ha proposto le collezioni di scarpe per la primavera-estate 2012. Tante le persone che hanno affollato gli stand, anche se la loro permanenza in fiera si è ridotta rispetto agli anni passati. E’ stato anche registrato un netto aumento dei buyer cinesi che si aggiungono ai classici clienti di Spagna, Francia, Russia e Germania. Insomma, un grande successo per una manifestazione che piace!