Kenzo una tradizione lunga 38 anni

da , il

    Kenzo una tradizione lunga 38 anni

    Il nome dagli echi orientali non è un caso.

    La maison Kenzo, nasce infatti nel 1970, dal genio di Kenzo Takada, stilista giapponese.

    Completati gli studi in patria, Takada nel 1958 è ammesso alla Bunka Gakuen, la prestigiosa scuola di fashion design: al terzo anno di corso vince il primo premio.

    Dopo aver lavorato per una catena di grandi magazzini, lascia il Giappone per Parigi.

    In Francia nel ’65, vede le sfilate dei grandi di allora, Cardin, Dior e Chanel, vende alcuni disegni a Louis Feraud e ad altri stilisti; inizia così a lavorare per Bon Magique e per Jardin des Modes.

    Ristruttura e dipinge il suo primo negozio: nasce così la boutique Jungle Jap in Galérie Vivienne.

    Nei primi anni di attività, la casa di moda si distingue grazie ad abiti e maglierie che rivoluzionano il gusto del momento: forme, materiali e disegni tradizionali del Giappone si mischiano armonicamente con lo stile europeo.

    Kenzo ha realizzato costumi per il teatro, come per la Course du Temps di Stockhausen (1979) e realizzato un film, Rêve après Rêve (1980) ed è inutile dire quanti numerosi premi abbia vinto.

    Lo stilista, dopo un primo tentativo nel 1999, si è definitivamente ritirato nel 2002, nonostante voci di corridoi lo diano in procinto di riprendere in mano le briglie della maison.

    Maison che nel frattempo miete ancora successi grazie al talento dello stilista Antonio Marras, che puntuale come ogni anno presenta la collezione invernale di scarpe.

    Noi qui ve ne proponiamo qualche modello, tra i quali segnaliamo il ritorno delle stringate, delle zeppe e delle polacchine.

    Le altre sono visionabili sul sito web!