Limited edition per Giuseppe Zanotti di Vicini

da , il

    Quattro, i centimetri del platform realizzato in nickel cromato. Quattordici, i centimetri del tacco. Camoscio nero per i listini che avvolgono il piede, piccolissime borchie e microstrass Swarovski black diamond per la chiusura alla caviglia.

    Ho voluto iniziare dando i numeri e sono ancora un po’ stordita dalla visione di questa opera ultima, in edizione limitata, dedicata alle regine dell’inverno 2008/209, probabilmente vista in sogno, poi messa su carta e realizzata da Giuseppe Zanotti per Vicini.

    Una calzatura che ha fatto delle linee pulite, dell’essenzialità e del lusso la sua sostanza.

    Zanotti ha creato un altare per il piede delle fortunate che lo indosseranno, un trono scolpito per le donne che porteranno questa creazione fiere di esporsi senza timore, ma senza alcuna necessità di farlo.

    Il platform conferisce autorevolezza, la qualità e l’abile fattura sono segni distintivi di chi ha tutto e non deve dimostrare nulla.

    Forte, potente, iconica, la calzatura perfetta per una Power Woman che infrange le identificazioni nazionali, ma appare trasversalmente in un’elite mondiale senza collocazione geografica alcuna.

    L’officina creativa di Zanotti ha affiancato la crescita della Vicini Spa, permettendole di consolidare un ruolo di rilievo nel proprio segmento di mercato. L’azienda conta 3 prime linee (Giuseppe Zanotti Design, Vicini e Tapeet) e prestigiose licenze fra cui spiccano Roberto Cavalli e Ferrè.