Scarpe O.X.S.: le linee dell’estate 2010

da , il

    La nuova collezione primavera-estate 2010 di O.X.S., brand che abbiamo conosciuto per gli anfibi Frank tanto amati anche dai divi del mondo dello spettacolo, presenta alcune chicche per la donna davvero interessanti. Scopriamole insieme.

    L’ultimo nato in casa O.X.S., per la primavera-estate 2010, è Beat. Il suo nome è legato al mondo della musica ed ereditato dal cult movie Easy Rider. Inutile dire che il significato va ricercato nel concetto di ribellione, come battito, come ritmo. Quello della musica jazz nell’America anni ‘60, del be bop, della cadenza dei versi nelle poesie amate dal popolo della Beat Generation. Così, Beat nasce da una rielaborazione del patrimonio storico di O.X.S. e custodisce nel suo minimalismo estetico e strutturale tutta l’essenza del brand: i volumi perdono consistenza e le componenti diventano sempre più essenziali, per esaltare la purezza del design. Forme “sgonfiate” ed addolcite e leggerissime suole chewing sottolineano tagli al vivo e cuciture che, nella loro irregolarità e mancanza di perfezione, rappresentano l’idea che vince sulla materialità, la sostanza sull’apparenza, l’armonia liberata da ogni costrizione.

    Il giovane Berry, è la sneaker tinta in capo che rappresenta il volto più fresco e sportivo del marchio. BERRY, la sneaker con suola “chewing”, è rinnovata da pochi, semplici ma decisi segni grafici in grado di sprigionare un grande potere comunicativo, ancora dopo millenni. L’ispirazione per il nuovo progetto grafico non proviene infatti dalla tecnologia o dalle ultime ricerche di mercato, ma dal passato più remoto, dalla semplicità elementare delle pitture rupestri, prima testimonianza artistico-spirituale dell’uomo. La manualità dell’intervento rende ogni esemplare unico, speciale, quasi come una tela astratta. Colore e tratteggio del colore si oppongono e si attraggono trasmettendo un senso di vissuto, un sapore graphic-vintage, un’impressione “rough” quasi illusoria, perché ciò che sembra ancora un bozzetto, in verità, è il capolavoro definitivo. Le cuciture e le parti della tomaia diventano un puro tratto grafico, che sembra appena tracciato a mano sulla tela lavata, la cui colorazione in sabbia, ocra, senape e blu ricorda le sfumature di Marrakesh. BERRY è poi sempre disponibile anche nelle varianti tradizionali in pelle e camoscio, tinte in capo, per garantire un effetto di tono su tono tra la tomaia, la suola e i lacci.

    Ci sono poi i modelli New Age che possono considerarsi la sintesi del know-how calzaturiero made in Italy, nonché la sua interpretazione più sofisticata. D&D: Deconstruct and Destroy è la parola d’ordine, la “destrutturazione” intesa sia come smantellamento dei volumi che come leggerezza della materia, che in questi modelli trovano la massima espressione. Le forme sono meno definite, più allungate e schiacciate in punta e le volumetrie meno imponenti, grazie alla lavorazione “sacchetto”. Le suole in cuoio con grintose iniezioni di gomma, tutte lavate in lavatrice, presentano una placchetta in ottone a testimonianza dell’autenticità di questa linea. La contemporanea modelleria risulta alleggerita da giochi di pieni e vuoti e dall’accostamento di parti ultra soft a elementi di maggiore consistenza. Si distinguono fra tutti i preziosi gambali tempestati da micro borchie in metallo. Vitellini conciati al vegetale, camosci e croste delavè rovesciate per l’uomo, mentre al femminile vengono proposti agnelli lucidi con effetto muffato sui tacchi più alti.

    Non manca ovviamente il mitico Frank che ha attraversato 15 anni di tendenze senza mai tradire la sua natura. Grinta e il sapore autentico sono le sue massime espressioni. A tal fine i materiali sono trattati, lavati e rifiniti per infondere un’allure di “vita vissuta” e un valore di genuinità che oltrepassa le mode. I modelli dell’area Frank che meglio interpretano questo concetto sono destrutturati, sfoderati e resi ancora più estivi, realizzati con vitellini e vacchette morbidissimi o in camoscio trattato a mano, con risultati di rinnovata freschezza sulle inimitabili suole extralight.