Scarpe Ruthie Davis: le pump si vestono di borchie

da , il

    Ruthie Davis

    Le borchie hanno conquistato il terreno estivo ma anche quello invernale. E Ruthie Davis lo ha capito molto bene. La designer, nella sua collezione autunno-inverno 2011, ha previsto un tripudio di borchie da far girare la testa. Dopo le stravaganti decolletes piene di spuntoni, borchie e Swarovski, la designer ha messo a punto un paio di decolletes dalla linea semplice ma con applicate borchie lungo tutto il loro profilo. Se non vi piacciono gli elementi in metallo sulle scarpe allora girate sui vostri tacchi…questa non è roba per voi. Se invece li adorate allora qui troverete pane per i vostri denti. E infine, se ne siete solo incuriosite, restate, magari vi si convince.

    Che poi da convincere c’è ben poco. Io ho maturato, nel corso dell’estate, un odio verso le borchie in tutti i loro aspetti e in tutte le loro forme. Non le amo affatto anche se posso passare sopra le creazioni che qualche dettaglio in metallo che non sia però esagerato. Quindi, va da se, che io farei parte del gruppo che dovrebbe girare i tacchi o al massimo che leggerebbe questo post per curiosità. Perchè lo scrivo? Ovvio, perchè ci sono tante appassionate di borchie in agguato.

    E allora per loro ecco un modello di Ruthie Davis. La designer ormai l’abbiamo citata più volte per le sue creazioni decisamente particolari. Alcune, come le pump con tacco scultura di qualche giorno fa, sono anche carine. Altre sono meno portabili a mio avviso. Dove si collocano queste decolletes? Nel mezzo. Dalla serie a volte si indossano a volte no!

    La forma è quella di un paio di decolletes con plateau esagerato e tacco stiletto. Sono realizzate in pelle nera e la linea è per la verità molto interessante. Se non fosse per quella onda “anomala” di borchie che travolge l’intera creazione. Piccole palline in nichel che sembrano li per dire: “noi siamo troppo trendy!“. Lo sarete anche… ma forse non è troppo?

    Voi che dite?