Sciopero degli immigrati il 1 marzo. Indossate scarpe gialle

da , il

    sciopero degli immigrati". Per l'occasione una sessantina di comitati sul territorio si esporrà per sostenere una forma di protesta contro l'intolleranza e il razzismo nei confronti degli stranieri" data-image="" data-pinterest='true' data-show-share-more="true" data-comments="true">
    sciopero degli immigrati". Per l'occasione una sessantina di comitati sul territorio si esporrà per sostenere una forma di protesta contro l'intolleranza e il razzismo nei confronti degli stranieri" data-image="" data-pinterest='true' data-comments="true">
Sciopero degli immigrati il 1 marzo. Indossate scarpe gialle

Direte: cosa c’entra lo sciopero degli immigrati con le scarpe? Ora vi spiego. Per prima cosa si tratta di un’iniziativa che va promossa indipendentemente dalle tematiche che si seguono. In secondo luogo, si può sostenere l’evento indossando un paio di scarpe gialle. Magari non è il vostro colore preferito ma è per un’ottima causa quindi vale la pena farlo almeno una volta. E ora veniamo alla manifestazione. Lunedi 1 marzo si terrà su tutto il territorio nazionale lo “sciopero degli immigrati“. Per l’occasione una sessantina di comitati sul territorio si esporrà per sostenere una forma di protesta contro l’intolleranza e il razzismo nei confronti degli stranieri.

Perchè il giallo? L’organizzatrice e promotrice della manifestazione, Stefania Ragusa spiega cosi la selta all’Adnkronos:

”Sarà il nostro segno di riconoscimento. Si tratta di un colore che non può essere associato ad alcun partito politico. Sotto il profilo della ‘psico-cromatica’, poi, il giallo è il colore della rinascita, del cambiamento. Io ho perfino fatto cambiare gli elastici del mio apparecchio dentale, saranno gialli pure quelli!”.

Alla giornata dello sciopero degli immigrati si può partecipare in diversi modi: astensioni dal lavoro, sciopero degli acquisti, manifestazioni sul territorio. C’è anche la possibilità di aderire indossando semplicemente un indumento giallo. Ed è quello che vi invitiamo a fare noi. Tirate fuori un paio di scarpe gialle, o, se non le avete, delle calze o qualunque altro elemento. Dobbiamo sostenere gli stranieri nel nostro paese.

L’evento, infatti, vuole scuotere le coscienze e suscitare interrogativi nell’opinione pubblica sul tema dell’immigrazione, troppo spesso associata alla criminalità, con generalizzazioni che possono pericolosamente deviare verso l’intolleranza e il razzismo. Lo ‘sciopero degli stranieri’ ha già conquistato il web con oltre 50.000 adesioni individuali raccolte sulla pagina di Facebook dedicata alla manifestazione indetta dal movimento ‘primomarzo2010′. Comitati organizzativi sono nati a Roma, Milano, Genova, Bologna, Napoli, Palermo e in altre città italiane.

Nella foto potete vedere il logo realizzato dall’artista siciliano Giuseppe Cassibba. Testimonial dell’iniziativa invece è Mafalda.